Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Agents of S.H.I.E.L.D. – 1×02 0-8-4

Agents of S.H.I.E.L.D.

Gli agenti dello S.H.I.E.L.D. vengono chiamati a causa del ritrovamento di un oggetto misterioso classificato con il codice 0-8-4 (ovvero di origini sconosciute) in Perù. Qui Coulson incontrerà una vecchia conoscenza (nonché ex-fiamma), il comandante Camilla Reyes, con  conseguenze inaspettate. Piccola curiosità, nella scena finale appare Nick Fury (Samuel L. Jackson), che rimprovera Coulson per i danni subiti dall’aereo (il Bus) nel corso della puntata e gli dice di stare attento a Skye. Ecco il video promo dell’episodio.

Immagine anteprima YouTube

Anticipazioni e Spoiler

La stazione di comando mobile Airborne, conosciuta anche come “il Bus” è in volo verso la località segreta soprannominata Slingshot. L’agente Phil Coulson comunica via radio che va tutto bene, ma un’esplosione squarcia la sezione laterale dell’aereo e l’agente Coulson lotta per restare aggrappato e non venir risucchiato dallo squarcio. Cosa ha portato a questa situazione? Un salto temporale ci porta indietro di 19 ore.
La squadra è in viaggio, destinazione Perù, per recuperare ed analizzare un oggetto classificato 0-8-4. L’agente Ward fa presente che non approva che Skye faccia parte della squadra, visto che è un hacker del gruppo “Rising Tide” e che non è un’agente ma una semplice civile. Anche se Skye si sta comportando come una consulente, alla stregua di Tony Stark. Melinda May è preoccupata anche per i due agenti Fitz e Simmons che non hanno alcuna esperienza sul campo. O meglio l’unica esperienza, combinando quelle di entrambi i piccoli geni, è quella del salvataggio di Skye (ossia del precedente episodio). Intanto Coulson spiega cosa sia un 0-8-4: ossia un oggetto di origine sconosciuta; l’ultimo oggetto classificato in questo modo era stato un “grande martello”.
La squadra arriva al sito archeologico in Perù, l’oggetto classificato come 0-8-4 è conficcato in un muro all’interno di un tempio. Una scansione dei droni di Fitz e Simmons suggerisce che l’oggetto fosse lì prima della costruzione della struttura. Intanto, all’esterno, soldati peruviani e forze di polizia attaccano il sito, l’agente Ward e l’agente May neutralizzano alcuni di loro, ma si trovano velocemente in inferiorità numerica, quasi sopraffatti. Coulson esce ad affrontare il capo dei soldati, Camilla Reyes, che si scopre essere una vecchia conoscenza. Gli animi si placano e le pistole vengono riposte nelle fondine. Ma i guai non sono finiti, un gruppo di ribelli peruviani attacca la zona e squadra e soldati devono fuggire. Fitz e Simmons, che ne frattempo hanno analizzato l’oggetto, avvertono la squadra che l’oggetto 0-8-4 ha un nucleo potente ed instabile, e dovrebbe venir trattato con delicatezza, ma l’agente Ward, vista la situazione di pericolo e l’urgenza, strappa l’oggetto 0-8-4 dal muro e, uscito dal tempio, conficca un bastone nel terreno causando un’esplosione sonora che scaraventa via i ribelli e gli lascia spazio per la fuga. Melinda May arriva con una Jeep a recuperare la squadra e guida, con i ribelli alle calcagna, verso “il Bus”, anche Camilla li segue insieme ad alcuni dei suoi uomini, sotto il fuoco nemico. I due gruppi salgono a bordo del Bus incolumi e con l’oggetto 0-8-4 in salvo. La squadra, tesa per la fuga, comincia a litigare e Coulson calma la situazione. L’oggetto 0-8-4 è alimentato dalla tecnologia Tesserat (proveniente dal periodo di Capitan America) e contiene una quantità letale di radiazioni Gamma, Fitz e Simmons scoprono che si tratta di un’arma molto potente, che, per il momento è sotto controllo.
Coulson spiega a Camilla che i suoi agenti sono molto diversi tra loro, che vedono le cose in modo differente, ma che ognuno di loro ha grandi competenze specifiche e capacità superiori alla media. Fitz e Simmons sono due grandi menti, Melinda May è un grande pilota che cerca di dimenticare un passato violento in cui era soprannominata “la Cavalleria”, Skye crede nel “gruppo”: se la soluzione non si riesce a trovare in una sola persona, in gruppo ogni cosa è possibile. Camilla, nel frattempo, diventa troppo gentile in modo troppo repentino e Coulson si rende conto, allo stesso tempo dell’agente Ward, che Camilla e i suoi soldati hanno cattive intenzioni, ma è tardi. Ward combatte contro i soldati e Coulson contro Camilla (al piano superiore dove i due si erano appartati per parlare), l’agente May viene messo fuori combattimento da uno dei soldati con del gas soporifero, ma in breve Camilla e i suoi uomini prendono il controllo dell’aereo.
La squadra è legata nella stiva e Coulson, sotto minaccia di Camilla, avverte il comando generale di un cambiamento di rotta. Skye, nel frattempo, suggerisce di collaborare tutti insieme per risolvere la situazione, la squadra è d’accordo e Ward fa l’occhiolino. L’agente May, lussandosi un polso, riesce a liberarsi e mette in poche mosse le guardie ko: la “cavalleria” è arrivata, la squadra è libera. Anche se Coulson non sa che la sua squadra si è liberata, sa che è in gamba e che Camilla gli ha fornito un’arma potente: un nemico comune. La squadra si prepara per attuare il piano: creare una breccia nell’aereo in modo da rilasciare la pressione della cabina e far volare via le guardie. L’agente May irrompe nel laboratorio con una macchina, in modo da far lavorare Fitz e Simmons. Intanto Skye e Ward preparano una corda di salvataggio. Uno dei droni di Fitz e Simmons crea una reazione che provoca la braccia nel velivolo e, come previsto i soldati vengono letteralmente aspirati fuori (e quelli che si reggevano vengono comunque aiutati da Ward) e le porte vengono aperte. Mentre Fitz e Simmons recuperano l’oggetto 0-8-4, l’agente May si dirige alla cabina di comando e riprende il controllo dell’aereo che, tuttavia continua a perdere quota a causa della breccia nello scafo. Skye, che ha fortunatamente letto le istruzioni d’emergenza dell’aereo, sa che ci sono dei gommoni di salvataggio, ne prende uno e lo apre per chiudere la falla, cosa che le riesce. La pressione si stabilizza e la squadra riprende il controllo della situazione. Purtroppo l’aereo è in pessime condizioni, ma Lola è senza un graffio.
Arrivati a destinazione, a Slingshot, l’oggetto 0-8-4 viene consegnato, dovrà essere distrutto perché si tratta di un’arma troppo pericolosa, e Camilla viene consegnata allo S.H.I.E.L.D. per essere imprigionata in una struttura detentiva di massima sicurezza. Ward decide di diventare l’ufficiale supervisore di Skye, perché riconosce nella ragazza qualità e talento, quest’ultima, quando sta per assumersi la responsabilità del piano e dei danni conseguenti, viene fermata dal resto della squadra che all’unisono afferma che è stato un lavoro di gruppo, e l’agente Coulson è soddisfatto.
Mentre la squadra guarda il razzo che trasporta l’oggetto 0-8-4 verso il sole, Skye riceve un sms da parte di Rising Tide che le chiede se vuole partecipare ad un’azione, Skye esita, ma poi risponde “Sono dentro”.
Nella scena finale appare Nick Fury, che rimprovera Coulson per i danni subiti dall’aereo nel corso del combattimento con i soldati di Camilla e gli dice di stare attento a Skye.

Powered by Romavirtuale.com