Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Agents of S.H.I.E.L.D. – 1×01 Un nuovo eroe

Agents of S.H.I.E.L.D.

L’Agente Coulson (Clark Gregg) dello S.H.I.E.L.D. è sopravvissuto all’attacco da parte dei Chitauri a New York e sta mettendo insieme un team speciale per occuparsi di una serie di attacchi hacker subiti da un movimento che si fa chiamare The Rising Tide. La squadra è inoltre incaricata di osservare qualsiasi tipo di attività connessa a dei potenziali “supereroi”, che non sanno o sono impauriti di fronte ai loro superpoteri. Come Mike Peterson (J. August Richards) un uomo che viene filmato mentre salva una donna da un palazzo in fiamme, mostrando di avere dei poteri sovraumani. Oltre allo S.H.I.E.L.D. anche Skye (Chloe Bennett), una bravissima hacker riesce a rintracciarlo, ma la ragazza non sa che Coulson è sulle sue tracce. Ecco il video promo dell’episodio.

Immagine anteprima YouTube

Anticipazioni e Spoiler

Il segreto è stato svelato, la battaglia di New York ha mostrato al mondo che gli Dei possono cadere dal cielo, che uomini con una armatura di acciaio possono salire alle stelle, che un super soldato si può risvegliare dal passato e che una creatura verde mostruosa può distruggere ciò che deve essere distrutto. Il mondo è pieno di eroi. Non tutti sono “super”, come quelli delle figurine o delle “action figures” che un bambino guarda desideroso dietro la vetrina di un negozio. Suo padre, Mike Peterson, non vorrebbe altro che poter comprare a suo figlio per il compleanno il suo eroe preferito, ma i tempi sono duri, e non può. Il bambino capisce la situazione e la cosa rende ancor più difficile a Mike il dover rinunciare all’acquisto.
Un’esplosione al piano superiore di un palazzo della città fa crollare parte dell’edificio, Mike chiede ad un amico di guardare il suo ragazzo e si precipita in un vicolo; sicuro che nessuno lo stia guardando si copre il volto con il cappuccio della felpa e comincia a scalare l’edificio in fiamme a mani nude. Mike libera una donna dalle macerie e la trae in salvo saltando giù dal palazzo con un balzo. Una giovane spettatrice stupita dell’accaduto registra l’incredibile salvataggio su video, il suo nome è Skye (Chloe Bennet). Lei ora conosce il segreto di Mike.
L’agente Grant Ward (Brett Dalton) è a Parigi per una missione che coinvolge un gruppo conosciuto come “The Rising Tide“. Per recuperare un pacco l’agente neutralizza due nemici con grande abilità. Una volta tornato sul suolo americano viene chiamato dall’agente speciale Maria Hill (Cobie Smulders, guest star della puntata) che gli chiede cosa sa dello S.H.I.E.L.D. (Strategic Homeland Intervention Enforcement and Logistics Division). E’ un agente di Livello 6, quindi sa che l’agente Phil Coulson (Clark Gregg), è stato ucciso prima della battaglia di New York e rimane di sasso quando, proprio il defunto agente Coulson, entra nella stanza per dargli il benvenuto tra gli agenti di Livello 7. Coulson gli spiega che, dopo essere stato accoltellato dall’Asgardiano, il Direttore Fury lo ha portato a Tahiti, “un luogo magico”, dove l’hanno curato e rimesso in piedi, e che è tornato in gioco perché ci sono tante persone sconosciute e “non registrate” che hanno poteri fuori dal normale e devono essere aiutate: ne è prova il video, del gruppo The Rising Tide”, che mostra Mike saltare giù da un palazzo in fiamme. Coulson dice a Ward che è stato selezionato per far parte di una unità mobile dello S.H.I.E.L.D. e che Mike ora ha bisogno d’aiuto, ha bisogno dello S.H.I.E.L.D..
Per quanto riguarda il resto della squadra, Coulson convince l’agente Melina May (Ming-Na Wen) a guidare “il Bus” l’aereo, o meglio la mega, super tecnologica stazione di comando mobile volante. Poi ci sono gli agenti Leo Fitz (Ian De Caestecker) e Jemma Simmons (Elizabeth Henstridge), chiamati Fitz-Simmons, due geni della ricerca che non sono mai stati sul campo. Per finire c’è Lola, la macchina dell’agente Coulson, la sua prediletta, il gadget che nessuno deve toccare.
Nel frattempo Skye rintraccia Mike per metterlo in guardia dallo S.H.I.E.L.D., e si offre di aiutarlo a diventare un supereroe. Grazie alla sua competenza con i computer, Skye è riuscita infatti a nascondere, fino ad ora, la sua identità (e la sua appartenenza al gruppo “The Rising Tide”) allo S.H.I.E.L.D., e dice a Mike che, proprio grazie alle sua bravura, può farlo conoscere da tutti e può renderlo famoso, ma Mike rifiuta la sua offerta e Skye se ne torna al suo ufficio mobile (ossia il suo furgone). Ma Coulson vuole saperne di più del “nuovo” eroe e vuole anche sapere cosa sa Skye di quella cosa che viene chiamata “Centipede”, così Coulson e Ward la rapiscono e la portano sulla nuova stazione mobile dello S.H.I.E.L.D.. Coulson vuole guadagnare la fiducia di Skye e portarla dalla sua parte, quindi droga con un “siero della verità” l’agente Ward e da a Skye libertà di chiedere all’agente qualsiasi cosa le venga in mente. Grazie al siero, Ward ammette, tra le altre cose, che Skye è bellissima, e Skye decide di aiutare lo S.H.I.E.L.D..
Intanto Mike torna dal suo vecchio datore di lavoro per chiedergli di reintegrarlo e rassicurarlo che le cure ricevuto lo hanno reso più forte e più abile di prima, ma il suo ex-capo non ne vuole sapere nulla e questo fa perdere la testa a Mike che attacca l’ex-capo e lo ferisce gravemente. Skye riconosce che cose come questa non sono possibili per l’eroe che ha incontrato e conosciuto. Mike si reca dalla donna che ha salvato dal palazzo in fiamme, che si scopre essere il medico che lo ha curato con un programma speciale. Lei gli chiede di scomparire ed ha paura che faccia la stessa fine dell’ultimo paziente che ha avuto e curato.
Grazie all’aiuto di Skye, Fitz e Simmons riescono a restaurare il video dell’esplosione che fa vedere un uomo (si capisce che si tratta dell'”ultimo paziente” di cui parlava la dottoressa) che ha una sorta di congegno a forma di “Centipede” (millepiedi) sul braccio, usato per iniettare nel sangue un siero che permette di avere una super forza, siero simile a quello usato per creare i “super-soldati” negli anni ’40. Si tratta di un siero molto instabile di nome “Extremis” ed è la causa delle azioni irrazionali e dell’irritabilità di Mike. Quest’ultimo rapisce Skye, che nel frattempo si era recata sul suo furgone per prendere alcune cose, e le chiede di aiutare lui e suo figlio. Coulson e la sua squadra realizzano che Mike potrebbe letteralmente esplodere in qualsiasi momento, ma Fitz e Simmons credono che non ci siano speranze di salvare Mike, ma Coulson li invita a trovare una soluzione che non renda orfano un bambino. Utilizzando le coordinate che Skye invia segretamente allo S.H.I.E.L.D., la squadra rintraccia i 3 fuggitivi e interviene a Union Station. Mentre Fitz e Simmons cercano freneticamente un’opzione per salvare Mike, Ward cerca di catturarlo, senza alcun risultato e Mike semina panico e terrore nella gente dentro e fuori l’edificio. Un poliziotto spara a Mike (in realtà non si tratta di un vero agente di polizia ma di un killer che deve far fuori Mike) e lo fa precipitare, l’agente May interviene e con un paio di mosse disarma il falso poliziotto (non si tratta infatti solo di un autista), ma il siero sta ormai prendendo il sopravvento e Mike sta perdendo il controllo. Coulson cerca di calmare Mike e gli dice di quello che potrà fare come eroe, Mike lo ascolta ma all’improvviso viene colpito da una pallottola, non si tratta di un proiettile, ma della cura di Fitz-Simmons, sparata dall’agente Ward con una pistola futuristica.
La famiglia di Mike è felice di sapere che lui un giorno tornerà a casa. Ma Coulson sa che chi ha creato il progetto “Centipede” è ancora in libertà, e che nel mondo ci sono tante altre minacce sconosciute. Coulson chiede a Skye se si vuole unire allo S.H.I.E.L.D., ma viene chiamato per un 0-8-4 e chiama Lola. Il resto della squadra è abbastanza lontano, ma Lola può volare (letteralmente). Il mondo è pieno di meraviglie, ci sono mostri ed eroi e anche gli agenti dello S.H.I.E.L.D..

Powered by Romavirtuale.com